OlioCRU Una “case history” trentina

Di solito le nuove iniziative industriali vengono valutate dall’esterno anche sulla base del costo indiretto sulla collettività in termini di uso del suolo, problematiche ambientali e paesaggistiche. olioCRU, azienda trentina che opera nell’ambito agroindustriale, ha capovolto i fattori di percezione critica trasformandoli in punti di forza. operando in maniera coerente dall’inizio alla fine della filiera, ossia dal campo alla distribuzione del prodotto, olioCRU utilizza il territorio come elemento imprescindibile del proprio processo produttivo. Ne assicura la protezione e la tutela in quanto fattore indispensabile e insostituibile per la sostenibilità economica dell’azienda.

l’area del Garda trentino, sede dell’azienda olioCRU, permette alla più estrema latitudine nord del mondo la coltivazione dell’olivo che consente la produzione di un olio extravergine potenzialmente secondo a nessun’altro. l’aver capito l’anima di questo frutto “borderline” e a seguito di investimenti mirati ed esclusivi dell’ultima generazione tecnologica, ha permesso di esaltare le innate caratteristiche salutistiche e nutraceutiche dell’olio extravergine di oliva con un effetto moltiplicatore sull’esclusività e sulla bontà del prodotto ancorato al territorio.

la particolarità della nicchia di prodotto e la sua localizzazione estrema determinano un vincolo necessario e insostituibile sulla costruzione del prodotto che necessariamente deve rispettare rigidi parametri di qualità attraverso sensazioni al gusto e all’olfatto. Questo vincolo per olioCRU è diventato un must per cui la produzione di olio extravergine di oliva viene declinata in linee di prodotto che identificano anche nel packaging una voluta esclusività con differenziazioni, sia nelle modalità di trasformazione (denocciolato e non), che nei gusti e nei profumi. olioCRU, azienda giovane, con governance giovane, proietta la sua filosofia in una dimensione dinamica, non limitandosi a “fare il meglio”, ma per “restare al meglio” investe nella ricerca e nell’innovazione. Attraverso partnership con istituti di ricerca trentini, si stanno avviando progetti per nuovi prodotti “estremi in tutto”, per la particolarità del territorio dove vengono coltivate le olive, per come avviene la trasformazione e per le caratteristiche salutistiche e nutraceutiche.

Nicola Peroni

Arco, Italia