Arco festeggia la prima oleoteca del Trentino

Oltre un centinaio di ospiti per celebrare l’olio altogardesano, simbolo del connubio perfetto tra turismo, territorio ed economia

Arco (TN), 30 marzo 2012 - Pubblico delle grandi occasioni questa mattina ad Arco per festeggiare l’apertura di OlioCRU Point, la prima oleoteca del Trentino inaugurata presso la sede dello storico Palazzo Giuliani, nella centralissima Piazza III Novembre. Oltre un centinaio tra ospiti, curiosi ed appassionati hanno visitato il nuovo showroom esclusivamente dedicato all’extravergine di oliva, tra i saluti di rito, sfiziosi stuzzichini di oli in degustazione, all’assaggio o in bottiglia, la curiosità di ammirare le diverse produzioni in esposizione. A fare da filo conduttore tra gli interventi che si sono succeduti un plauso condiviso ad un’operazione commerciale tanto apprezzata quanto l’importanza di rendere omaggio, in maniera esclusiva, al prodotto principe del territorio altogardesano.

Non solo. A deliziare la giornata di festa, proprio durante le celebrazioni, è giunta la notizia di un nuovo successo ad un concorso internazionale: in lizza alla ‘International Extra Virgin Olive Oil Competition’ di Los Angeles il prezioso OlioCRU Lab si aggiudica il primo premio come miglior fruttato medio nella categoria oli internazionali, oltre all’ambito riconoscimento intitolato a ‘Marco Mugelli’, noto esperto internazionale di olio e olivicoltura.    

Ad inaugurare le celebrazioni il primo promotore dell’iniziativa imprenditoriale, Mario Morandini, affiancato da Nicola Peroni, giovane amministratore dell’azienda alla guida di OlioCRU. “Questo nuovo punto vendita rappresenta la fase finale di un progetto molto più ampio - ha sottolineato Peroni – che partendo dalla raccolta e dalla lavorazione del prodotto, ci permette di proporci direttamente al pubblico valorizzando al massimo i nostri prodotti ma anche le produzioni più meritevoli di altre realtà italiane. Non solo quindi un’operazione commerciale ma anche un progetto di promozione culturale dell’extravergine di qualità”.

In seguito gli interventi di Don Luigi Amadori, parroco di Arco, che ha ripercorso il significato dell’olio d’oliva nell’antichità e nella simbologia cristiana, gli assessori Renato Veronesi e Roberto Bresciani, il presidente di Ingarda Marco Benedetti e, in rappresentanza della fondazione Edmund Mach, il referente per l’olivicoltura Franco Michelotti. “L’importanza di questo progetto – ha aggiunto Bresciani – è legata soprattutto alla capacità di saper coniugare tre valori fondamentali per la nostra cittadina, commercio, turismo e agricoltura, celebrati anche in occasione dell’assegnazione del premio Euregio ‘il turismo incontra l’agricoltura’, simbolo di un connubio oramai imprescindibile”. Un concetto ribadito anche dallo stesso Benedetti che ha precisato quanto, oltre alla bellezza del territorio e la possibilità di praticare sport, la motivazione di vacanza sia sempre più orientata anche alla ricerca di prodotti tipici di qualità, "condizione indispensabile per garantire un futuro turistico ed economico alla nostra realtà".  

In omaggio a tutti gli ospiti presenti un poster in quadricromia opera di Enrico Ferrari, artista trentino che attraverso una tecnica riproduttiva del tutto personale reinterpreta in chiave artistica il territorio dell’Alto Garda, dal Castello di Arco ai vari appezzamenti del verde agricolo incastonato tra le montagne.

Ma OlioCRU non intende fermarsi qui. Per il futuro, infatti, l’obiettivo di ristrutturare la quattrocentesca sala adiacente al negozio per accogliere visite guidate a tema e ospitare un apposito angolo degustazione con una selezione di piatti ed assaggi a base di olio extravergine di oliva, un’occasione in più per imparare ad apprezzare le diverse varietà locali e delle altre regioni d’Italia.

Nicola Peroni

Arco, Italia